Eccoci con il secondo atto dell’operazione Vier / Ko / Wood.

Il secondo appuntamento di un cartellone di concerti che può essere l’occasione buona per ripensare la musica a Terni al di fuori delle logiche commerciali: artisti locali, nazionali ed internazionali finalmente in uno spazio che è il nostro, uno spazio in cui tutti gli associati di Demetra, Ephebia e Suoni in Chiostro possono intervenire.

22.30 // Proiezione di “Resistenze Artistiche”, film documentario sull’esperienza delle residenze artistiche presso il Centro di Palmetta a cura dell’Associazione Demetra, in collaborazione con Blob pratiche di evasione e Ce.S.Vol della Provincia di Terni / Progetto Memoria.

 

23.00 // The Rust And The Fury live

 

Dicono di loro, dopo l’uscita di ” See the colors through the rain”:

Rockit: “…giudizio complessivo è vicino al “superlativo”…”

Il Mucchio: “…Conta invece che i ragazzi siano partiti con il piede giusto e che posseggano tutto quel che occorre per migliorarsi. Noi ci crediamo.”

Rockerilla: “…Un album d’esordio ma già maturo…”

Rumore:”…non fosse per una produzione troppo poco tridimensionale avremmo trovato uno dei migliori gruppi italici da esportazione da tempo…”

Kindergarten (Moby dick – Radio2):”…Un disco rock da FM americana, diretto e pressoché privo di distorsioni, ma allo stesso tempo curato e impreziosito da equilibri sonori fatti di canti, controcanti e piccoli innesti strumentali che lo rendono davvero sorprendente…”

Intervista Labcreativity di Giulia Di Clemente

Rocklab: “…E quando sono sul palco ti danno l’idea che quello è il loro mondo perfetto, il posto migliore dove vorrebbero stare. In poche parole dei professionisti (e non fate finta di niente, non è una cosa scontata oggi), per giunta talentuosi come pochi…”

Shiver: “…Ci sono dei musicisti, delle band che, per motivi che sfuggono alla razionalità, colpiscono e scavano profondamente al primo ascolto, non a caso gli umbri The Rust And The Fury fanno parte integrante di questo pensiero…”

HateTv: “…L’Italia tutta è in attesa del messia della musica, di qualcuno capace di trasformare le sorti della discografia italiana, mi farebbe piacere pensare di aver recensito la parola prima di questo messia tanto atteso…”

 

—-

ingresso gratuito riservato ai soci Ancescao

 

non sei socio? ora puoi iscriverti anche online:

@[NjQyMTgzOTU5MjA4MTA3Omh0dHBcYS8vd3d3LnBhbG1ldHRhLml0L2l0L3Rlc3NlcmFtZW50by5odG1sOjo=:http://www.palmetta.it/it/tesseramento.html]